Skip to content
lavoro sicuro

L’emergenza Covid-19 ci ha portato a riconsiderare la sicurezza sul lavoro come un aspetto imprescindibile: la tutela del lavoratore è il tema principale nella fase di riapertura e nelle scelte che l’azienda dovrà intraprendere responsabilmente.

MC è in grado di supportare la tua azienda nell’implementazione o l’aggiornamento dei protocolli anti-contagio e di tutti i processi finalizzati a tutelare la salute e sicurezza dei lavoratori, oltre a garantire i più alti standard di sicurezza nel rispetto delle attuali normative.

Incentivi alle imprese: “Nuova Sabatini” (Decreto Legge n. 69 del 21/06/2013)

Dal 31 marzo 2014 le PMI, localizzate su tutto il territorio nazionale ed operanti in tutti i settori, potranno beneficiare di una nuova tipologia di agevolazione per progetti finalizzati all’acquisizione – anche tramite leasing – di beni strumentali di nuova fabbricazione quali:

macchinari;
impianti;
attrezzature ad uso produttivo;
hardware, software e tecnologie digitali (ICT).
La normativa prevede sia riconosciuto alle PMI un contributo in conto interessi del 2,75%.

Beneficiari

Piccole e Medie Imprese (PMI, come definite ai sensi del D.M. 18 aprile 2005 che ha recepito la 2003/361/CE del 6 maggio 2003 relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese, pubblicata sulla G.U.U.E. n. L124 del 20 maggio 2003), regolarmente iscritte al Registro delle imprese e con sede operativa sul territorio Nazionale, operanti in tutti i settori (incluse le aziende agricole, della pesca e acquacoltura), non in procedura di liquidazione concorsuale. Sono esclusi i settori finanziario-assicurativo, l’industria carboniera e dalla fabbricazione di prodotti lattiero-caseari.

Interventi ammissibili

Potranno essere agevolati gli interventi che prevedano:
Creazione o ampliamento di unità produttiva;
Diversificazione della produzione;
Cambiamento nel processo produttivo;
Acquisizione di asset per evitare la chiusura di uno stabilimento.

Spese agevolabili e non

Le spese agevolabili dovranno riguardare investimenti ad uso produttivo, di nuova fabbricazione, la cui acquisizione potrà avvenire anche tramite contratti di leasing (locazione finanziaria), da sostenere successivamente alla richiesta di finanziamento e relative a:
macchinari;
impianti;
beni strumentali;
attrezzature;
hardware, software e tecnologie digitali (ICT).
Gli investimenti devono essere conclusi entro 12 mesi dalla data di stipula del finanziamento. L’impresa beneficiaria è tenuta a presentare apposita dichiarazione di avvenuta ultimazione dell’investimento entro 60 giorni dalla data di conclusione del progetto.
Non saranno considerata ammissibili le spese:
sostenute prima dalla data della richiesta di finanziamento;
per l’acquisizione di terreni e fabbricati;
relative alle commesse interne;
relative a beni (macchinari, impianti ed attrezzature) usati spese;
di funzionamento;
per acquisto di mezzi ed attrezzature di trasporto per imprese che esercitino l’attività del trasporto merci su strada e del trasporto aereo.

Agevolazione

A fronte della concessione di finanziamenti o leasing, concessi fino al 31/12/2016, da Istituti di credito o società di leasing convenzionate con la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) a copertura del 100% del programma d’investimenti, aventi le seguenti caratteristiche:
importo non inferiore a € 20.000,00 e non superiore – anche se frazionato in più iniziative di acquisto – a € 2 milioni per ciascuna impresa;
durata non superiore a 5 anni dalla data di stipula del contratto di finanziamento;
è erogato un contributo in conto interessi del 2,75% calcolato convenzionalmente su un finanziamento della durata di 5 anni ed erogato in quote annuali costanti.
Le agevolazioni sono cumulabili con altri aiuti di Stato per le medesime spese ma nel rispetto dei massimali fissati dai regolamenti di riferimento (CE 800/2008 oppure CE1857/2006 per le imprese agricole oppure CE 736/2008 per le imprese della pesca). E’ prevista al cumulabilità con l’intervento del Fondo Centrale di Garanzia.

Modalità di richiesta

Le richieste di agevolazione possono essere presentate agli Istituti bancari ed agli Intermediari finanziari convenzionati, esclusivamente tramite PEC, a partire dalle ore 9:00 del 31 Marzo 2014 e fino ad esaurimento delle risorse, comunicato con apposito avviso del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE).
La procedura di presentazione della domanda prevede:
presentazione a cura delle imprese interessate della richiesta di contributo all’Istituto di credito o all’Intermediario finanziario (in caso di leasing) contestualmente alla richiesta di finanziamento;
verifica della regolarità formale e della completezza della documentazione prodotta a cura dell’Istituto di credito o dell’Intermediario finanziario;
delibera del finanziamento e prenotazione delle risorse finanziarie presso la CDP a cura dell’Istituto di credito o dell’Intermediario finanziario;
concessione dell’agevolazione (a cura del MISE);
erogazione del finanziamento a cura della Banca previo reperimento della provvista dalla CDP;
rendicontazione dell’investimento al MISE;
erogazione del contributo a cura del MISE.
La liquidazione del contributo, avviene, secondo il piano temporale riportato nel Decreto di concessione, in quote annuali, ed è subordinata:
al completamento dell’investimento;
all’inoltro delle apposite richieste di erogazione in formato digitale che saranno evase MISE entro un termine di 30 giorni dalla data di ricezione.
Il MISE provvede ad effettuare le erogazioni nel corso dell’anno per le richieste pervenute entro il 31 ottobre.
Il plafond presso la CDP a copertura della presente agevolazione è pari a € 2,5 miliardi (incrementabili fino al limite massimo di € 5 miliardi)